Google My Business se non ho un luogo fisico?

Si può, ecco perché creare la tua scheda Google My Business

Sei un libero professionista ma non hai un ufficio. Sei un commerciante ma non hai un negozio. Hai un servizio di ristorazione con consegne a domicilio. In tutti questi casi puoi scegliere di essere presente nella ricerca locale di Google.

Avere una scheda Google My Business è un vantaggio che ti aiuta ad essere trovato meglio e farti trovare dai tuoi potenziali clienti. L’unica condizione è che “tu abbia un contatto di persona con i clienti“, come si legge tra le linee guida di Google.

Perché creare una scheda Google My Business anche se non ho un luogo fisico

Solitamente le schede Google My Business per le attività fisiche sono già presenti all’interno del sistema Google. In questo caso basta riscattarla e verificarla per averne la gestione e poter modificare i contenuti. Nella maggior parte dei casi, se non hai un posto fisico dove offri i tuoi prodotti o servizi, non sarai presente e quindi dovrai creare la tua scheda.

Oltre ad essere un buon modo per mantenere aggiornate le tue informazioni come ti spiego in questo articolo, è anche un buon modo per essere trovato nella ricerca locale sei non hai un posto dove i clienti possano trovarti.

Le attività fisiche godono di molti benefici. Le insegne e le indicazioni stradali possono aiutare moltissimo per essere di facile accesso ai potenziali clienti. Ma se non hai un luogo fisico farsi trovare nel territorio in cui svolgi la tua attività potrebbe essere un problema.

Facciamo un esempio. Se sei un artigian@ che realizza articoli per la nascita come fiocchi o altro e hai il tuo laboratorio in casa con consegne a domicilio, difficilmente i tuoi clienti potranno entrare e vedere cosa offri loro. Ma se effettuano una ricerca su Google come “fiocchi nascita personalizzati” aggiungendo al località interessata e tu sei presente, ecco che possono mettersi facilmente in contatto con te.

Questo può funzionare per moltissimi settori professionali come tutta la compagine dei liberi professionisti che lavorano da casa. Io stessa sono fra loro. Mi sono ricavata in casa una stanza da cui svolgo la mia attività e, quando ne ho bisogno, sono io a spostarmi dai miei clienti per lavorare sulla loro comunicazione. Ma la pandemia e il web ci hanno insegnato anche a eliminare i confini. Quindi ecco che posso seguire clienti a distanze che per me sarebbero difficili da raggiungere.

Anche se non hai un posto fisico Google My Business può serviti per comparire nella ricerca locale

Come impostare le aree di servizio

Veniamo alle caratteristiche territoriali. Ovviamente non avendo un luogo fisico non andrà impostato un indirizzo, quello sarà un campo che dovrai lasciare vuoto. Dovrai invece impostare delle aree di servizio in cui offri i tuoi prodotti e servizi.

Dovrai farlo in questa maniera:

  • scegliere se offri servizi al domicilio del cliente e/o consegna a domicilio;
  • puoi impostare fino a 20 aree di servizio;
  • è consigliabile inserire territori che non distano oltre le due ore di auto da te.

Puoi decidere di selezionare interi comuni, come Roma o, nel caso di grandi città, anche solo dei quartieri come Trastevere.

In questo modo ogni volta che il tuo servizio o prodotto verrà cercato nella zona in cui operi hai la possibilità di comparire nei risultati della ricerca.

Attività ibride

Le attività ibride sono quelle che hanno un luogo fisico ma fanno anche servizi o consegne al domicilio del cliente. E’ il caso di ristoranti o imprese di pulizia. In questo caso potrai impostare il tuo indirizzo fisico con orari di apertura e, contemporaneamente, selezionare le aree che riesci a coprire.

Ti è stato utile questo articolo? Vorresti creare la tua scheda Google My Business ma non hai il tempo o non sai come fare? Scopri la consulenza Google My Business Optimization o prenota un appuntamento gratuito di 30 minuti con me per capire come possa essere utile al tuo lavoro.

Eleonora Scheggi

Da anni aiuto le piccole attività e i liberi professionisti a dare voce alla loro attività portandole per mano nel loro percorso. Ogni giorno studio per rimanere aggiornata sulle novità social del momento e offrire sempre il meglio ai miei clienti.

La mia storia con la comunicazione comincia nel 2013, quando fui contatta da un quotidiano della provincia di Grosseto per propormi una collaborazione come corrispondente. Cominciò una delle esperienze più importanti della mia vita che mi portò nel 2015 a conseguire il tesserino da giornalista pubblicista e ottenere l’iscrizione all’albo toscano. Capì che ogni messaggio ha valore se si trova nel giusto canale e con il linguaggio adatto.

Nel 2017 sono arrivate le prima richieste come libero professionista ed ho aperto un nuovo capitolo della mia storia scegliendo di investire in un territorio in cui credo fortemente: la Maremma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *